Il week-end perfetto.

11 Feb

Finalmente, un sabato sera di quelli che meritano. Eccheccavolo! Perchè diciamocelo. Chi ben comincia il week-end… se non altro, può raccontarlo sul blog!

***

La settimana scorsa è stata pesante. Non avevo assolutamente nulla da fare. Qualcuno dirà: "Beata te! Di cosa ti lamenti? Riposati un po’, visto che hai passato gli ultimi sei mesi della tua vita a scrivere la tesi…". E sbaglia. Grattarsi le ginocchia tutto il santo giorno è una fatica allucinante!

Cominci il lunedì, alzandoti a mezzogiorno. E finisci il sabato mattina, davanti allo specchio. Che restituisce, impietoso, l’immagine di un relitto umano. E ti chiedi: "Oddio. Ma sono andata a fare la spesa con questa faccia?".

In quel momento, come se non fosse già abbastanza, spunta dietro di te tua sorella. Col pigiama di pile e le ciabatte pelose. Facendo i rotolini di capelli con le dita. E, stropicciandosi gli occhi, enuncia con parole cristalline una sacrosanta verità: "Secondo. Me. La. Tua. Iperattività. E’. Patologica".

E va bene. Vado in bagno. A montare la MIA beauty farm. Ci resto 3 ore. Finisco una boilerata di acqua calda. Così contrubuisco meglio allo spreco di energia. Oltre a farmi insultare da tutta la family, in coda per la doccia.

Poi torno allo specchio. Ok. Forse ho arrecato qualche danno al prossimo. Ma il risultato merita. Il fine giustifica i mezzi. E c’è un po’ di Machiavelli in ognuno di noi. In me. In te. In mia sorella, ovviamente.

***

Apro l’e-mail per l’ultima volta. Agguanto la borsa (quella "seventies", che stasera è perfetta). Squilla il telefono. Rispondo. E’ un’intervistata che avvisa che ha appena inviato uno foto. Urgente. ALLE ORE 20.00 DEL SABATO SERA!

Ri-apro l’e-mail. Trovo il messaggio. Lo giro a chi di dovere. Invio una nota per avvisare dell’imprevisto, includendo i più sentiti auguri per un buon week-end. Ri-agguanto la borsa (sempre quella "seventies", che continua a essere perfetta). Chiamo il ristorante per chedere se, casualmente, è rimasto un tavolo. Chiudo la porta. E, finally, un bel respiro di sollievo!

Tappa numero uno. Cenetta romantica. Uaoooo! In un posticino appena scovato. In cui si mangia riso di tutti i tipi. L’ambiente è very relaxing. Il boy è decisamente figo. Il cameriere continua a darmi del lei, anche se la cosa non ha assolutamente senso. E decido che il "mondina mood" sarà un must dei prossimi mesi. Almeno per me.

Tappa numero due. Cinema "made in Hollywood". Commedia easy, tanto per ridere un po’.  Decido che Ben Stiller è decisamente uno specialista, in questo genere. E che la predilezione per l’uomo dotato di sense of humor sarà un must dei prossimi mesi. Almeno per me.

Tappa numero tre. Ritrovo all’irish pub, con alcuni amici. Prima di tornare a casa, decido che la birra bianca sarà un must dei prossimi mesi. Almeno per me.

***

Per finire, la cosa più importante. Una montagna di coccole, prima di andare a dormire. Che è sempre stato un must, e continuerà ad esserlo. E si potrà non condividere la passione per il "mondina mood", il sense of humor e la birra bianca.

Ma credo che, sulle coccole, nessuno avrà nulla da obiettare!

Annunci

20 Risposte to “Il week-end perfetto.”

  1. anonimo febbraio 11, 2007 a 9:35 pm #

    Ma quanti bei must! Mi hai fatto tornare in mente che è da un bel po’ che non è trovo qualcuno tutto per me. Mi ritiro a cercarne.
    Ponza

  2. unoGiostra febbraio 11, 2007 a 10:07 pm #

    a causa del tempo che è sempre più esiguo, ti leggo a distanza di tempo… e ti trovo molto più contaminata dall’inglese… che è successo?

    giostra

  3. Robba12 febbraio 12, 2007 a 9:17 am #

    Io obbietto…a me non piace un granchè ricevere le coccole…sarò una mosca bianca, ma che ce devo fa ???

    Captain’s Charisma

  4. alemu febbraio 12, 2007 a 12:27 pm #

    ovviamente devi svelare il nome del nuovo risotto-rante. anche l’uomo adoro questo ingrediente!
    io sabato post olimpico a rivedere lo sciatore della cerimonia di apertura (la parte migliore ^__^) ad atrium e poi in piazza castello..

  5. Elena136 febbraio 12, 2007 a 1:40 pm #

    non dovevi svelare che ho delle ciabatte peloseeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!!

  6. anonimo febbraio 12, 2007 a 5:00 pm #

    al mood son bravi a preparare la grappa corretta caffé 🙂

  7. maghettablog febbraio 12, 2007 a 5:21 pm #

    Sono un’astemia cronica ma quella della birra bianca è una ricerca che mi intriga parecchio.
    Devo assolutamente saperne di piu’ .
    *___*

    Che piacere rileggerti GiS!

  8. anonimo febbraio 12, 2007 a 11:36 pm #

    … già è bello essere chiamato “figo”, ma poi il grassetto lo aumenta di dieci volte!!!
    Sì, mi piace fare le cenette romantiche…

    =8-D

  9. gisgis81 febbraio 13, 2007 a 12:05 am #

    Ehi tuuuu. Lassùùùù! Capitano carismaaaa? Che, non ti piacciono le coccole? Ma non ci credoooo… 😀

  10. gisgis81 febbraio 13, 2007 a 12:16 am #

    Dimenticavo. Fab! Non ti abituare! :-)))

  11. gatita71 febbraio 13, 2007 a 12:24 pm #

    io ricordo verso la fine del amster, quando, dopo anni di universitò, mesi di studio, la classe cominciava a disgregarsi e partire per lo stage che ci avrebbe aperto le porte del fantastico mondo del lavoro…
    erano giornate un po’ così, andavamo a lezione, ma ogni giorno eravamo meno (una specie di grande fratello alla rovescia, chi usciva dalla “casa” aveva vinto uno stage o un contratto di lavoro…) e allora si andava, si chiaccherava, si vedeva gente…
    e si usciva presto…
    un periodo un po’ così, non ero abituata, io che sonos empre stata la regina dell’incastro delle attività una dentro l’altra, con vette di professionismo incredibili (all’epoca mi spostavo pure in autobus e macchina, mica in motorino!)…così decisi e a un certo punto di godermela…perchè prima o poi sarebbe finita e avrei rimpianto il tepo libero…
    e alllora pranzi con amiche che già lavoravano, giri per mercatini, mare d’inverno (eh, a roma si può…), cinema il pomeriggio (lo spettacolo delle 15 è una figata!!!!), anche da sola se non trovavo nessuno con cui andare…
    beh, ora queste cose, questo perder tempo se la guardiamo da un certo punto di vista, lo ricordo con un sorriso…
    ah! bei tempi!!!

  12. gatita71 febbraio 13, 2007 a 12:26 pm #

    beh, messaggio per il capitan carisma, se non ti paice ricevere coccole, avrai piu’ tempo per farle…

    😉

  13. anonimo febbraio 13, 2007 a 4:31 pm #

    bel report del genere ora et labora. Intrigante l’intreccio tra riso birra bianca e coccole una ricetta seventies. Non considero Ben Stiller.

  14. anonimo febbraio 14, 2007 a 3:24 pm #

    aaaaaaaaah viva il riso.
    viva l’alcool appena scoperto.
    e viva le coccole.
    …se il mittente merita:)
    Dd

  15. anonimo febbraio 14, 2007 a 10:21 pm #

    niente da obiettare davvero, eccetto una cosa, su cui non riesco a cambiare e non so se sia bene o male:
    Non esiste che DaNi possa alzarsi oltre le 8.00 del mattino… Neanche se torno a casa alle 3.00, come talvolta è accaduto. Non ce la faccio a concepire di dormire la mattina…

  16. FabioBr febbraio 16, 2007 a 9:38 am #

    Proclamo la settimana della no-iperattività-giornalistica. W la pigrizia!!! Vuoi aderire?!?!?! hahahha 🙂

  17. MrGallagher febbraio 20, 2007 a 3:22 pm #

    Anche qui c’è un bar dove la padrona continua a darmi del lei e a chiamare me e i miei amici “Signori”. Tutte le volte mi guardo indietro, per essere sicuro che stia parlando proprio con noi..

  18. anonimo febbraio 20, 2007 a 11:08 pm #

    buona serata….

  19. FloRonf febbraio 25, 2007 a 9:45 pm #

    Io adoro il riso, ma non mi sembra che dalle mie parti ci sia un ristorante simile a quello che hai citato!
    comunque quoto anche le coccole… 😉

  20. rflblasco febbraio 28, 2007 a 1:59 pm #

    Gisella!!!!
    un bacio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: